Search in the website:

Milan

Schira: “Ad oggi l’Inter rischia di perder Skriniar a 0”

26 Gennaio 2023

A “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, è intervenuto Nicolò Schira, giornalista del quotidiano Il Giornale ed esperto di calciomercato. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com.

Schira: “Ad oggi l’Inter perderà Skriniar a 0, la situazione mi ricorda quella di Kessiè al Milan”

Questione Skriniar? “All’Inter fu avanzata una proposta di circa 60 milioni dal Psg, ma la dirigenza chiedeva di più. Ad oggi perderà il calciatore a zero. I parigini sono pronti ad offrire 10, l’Inter chiede di più, ma non sostituirebbe lo slovacco con nessun’altro calciatore a quelle cifre. La sensazione è che si procederà allo stesso modo del Milan, quando l’anno scorso arrivò un’offerta dal Tottenham per Kessié a gennaio, ma decise di non accettare e di lasciare il calciatore svincolato a fine stagione. Resta uno dei punti cardine della squadra, poi alla fine andrà via. Conviene anche a Milan lasciare l’Inter a fine stagione, poiché riceverà un premio di 20 milioni, ma soltanto da svincolato”.

Schira: “Zaniolo ha ricevuto una proposta dal Bournemouth, ma le sue priorità son altre…”

Offerta per Zaniolo? “La proposta del Bournemouth è una notizia divulgata dalla Roma, però non ho informazioni circa l’interesse di Zaniolo a trasferirsi in questa squadra. Nel mercato può cambiare tutto, ma sinceramente mi è sembrato una notizia della Roma per alzare la posta in palia. L’offerta comunque c’è ed è di 30 milioni più una percentuale sulla futura rivendita del gicoatore, ma non è la società più gettonata per Nicolò. Il Bournemouth accontenta la Roma, ma non Zaniolo. Quest’ultimo non andrà con la prima che passa, in questa rottura del matrimonio ha scelto la nuova compagna denominata Milan. Club, tuttavia, che non offre la stessa cifra degli inglesi. Zaniolo attende la proposta del Milan, ma la Roma rischia di perderlo a zero se non dovesse cederlo a gennaio. Oppure potrebbe accettare l’offerta del Milan di 20 milioni più bonus. Questione che arriverà sino alla fine della finestra di calciomercato. Gradirebbe l’eventuale trasferimento al Tottenham, ma non al Leicester o al Bournemouth. Sarebbe un downgrade clamoroso, non ci sarebbe nulla di interessante. Operazione vantaggiosa sì per la Roma, ma non per il calciatore”.

Schira: “Brekalo non è colpo necessario per il Napoli, su di lui ci sono anche altre italiane”

Interesse per Brekalo del Napoli? “Vedo molta agitazione circa il futuro di questo calciatore. Gli agenti italiani si sentivano tagliati fuori, alla Dinamo ci andrebbe anche da solo. Ma si starebbe provando a mettere in piedi nuove piste. Ci sono Udinese, Napoli e Fiorentina. Quest’ultima non è una pista rovente perché il club è alla ricerca di una punta. La pista bianconera è calda, soprattutto dopo l’infortunio di Deulofeu. Dopo la penalizzazione inflitta alla Juve, il club può puntare la Conference, Brekalo per caratteristiche potrebbe essere ingaggiato. È stato proposto nei giorni scorsi anche agli azzurri, ma davanti non ci sono buchi liberi, inoltre c’è anche Zerbin in quel ruolo, che potrebbe essere ceduto in prestito. Ci sono anche Kvara ed Elmas, credo sarebbe un di più ma non tanto necessario. Una riflessione va fatta, ma non sembra un colpo necessario”.

Schira: “Mourinho continua a chiedere un centrale mancino. Shomurodov ecco dove potrebbe andare…”

Mercato Roma? “Mourinho continua a chiedere un centrale mancino, Shomurodov, invece, è in partenza. Karsdorp bocciato e distrutto dalla Roma, sarà costretto a lasciare la Capitale in prestito. Per sostituire Viña, la Roma attende un’occasione. Il club giallorosso è al di sotto dei parametri del settlement agreement, deve trovare una chance da sfruttare. Per quanto riguarda l’uzbeko, le quotazioni del Toro sono calate, ci sono Spezia e Cremonese. Il calciatore vuole restare in Italia: i grigiorossi vorrebbero Shomurodov in prestito con obbligo di riscatto legato alla salvezza. I liguri, invece, offrono 1 o 1,5 milioni per il prestito senza obbligo di riscatto”

Schira: “La serie A sembra il cimitero degli elefanti: possibile approdo di Gervinho alla Cremonese”
Mercato delle piccole? “Shomurodov balla tra alcune situazioni. Possibile approdo di Gervinho alla Cremonese, calciatore interessante ma la Serie A sembra il cimitero degli elefanti… Si è raffreddata la pista Pellegrini per la Lazio, McKennie, in uscita dalla Juve, potrebbe approdare al Leed, poiché non è al centro del progetto bianconero. Terzic o Calafiori per il Bologna come terzino. Attenti a Zapata e Muriel, in uscita dell’Atalanta, non più incedibili, dopo l’esplosione di Hojlund e di Lookman, il miglior colpo in Serie A, senza considerare Kvara. Pedro Porro al 45 milioni al Tottenham, 35 Malo Gusto al Chelsea, ma la Serie A deve puntare giovani calciatori, questo deve essere il copione delle squadre italiane”.
Schira: “Saint-Maximin è il piano B per il Milan se salta Zaniolo”

Saint-Maximin al Milan? “Piano B se salta Zaniolo. Nell’ultimo giorno di calciomercato, se il Newcastle dovesse confermare l’intenzione di accettare il prestito con diritto di riscatto senza obbligo proposto dai rossoneri, allora si procederebbe con l’operazione”.

Schira: “Su Belotti potrebbe pensarci la Fiorentina, è un giocatore che si è svalutato tanto…”

Futuro Belotti ? “Attaccante last minute, anche se non ha mercato. Forse potrebbe pensarci la Fiorentina, purtroppo è un calciatore che si è svalutato tanto. È un attaccante forte, tuttavia ha sbagliato ad andare alla Roma. Mourinho nom considera Andrea, inoltre, percepisce uno stipendio di 3 milioni… Mi auguro per Belotti e per il calcio italiano che questo attaccante si ritrovi, anche in ottica delle Final Fours dell’Italia con la Spagna”.

a cura di Emanuele Cantisani

Read More

Sicurezza-Milan, Maccarone: “Il Milan ha perso alcune certezze importanti”

20 Gennaio 2023

Mercato Serie A, Schira: “Tutto ruota intorno alle disponibilità economiche”

Massimo Maccarone, ex calciatore, tra le tante, dell’Empoli e del Siena, è intervenuto a “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, per parlare della situazione del Milan. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com.

Sicurezza-Milan, Maccarone: “Il Milan ha perso alcune certezze importanti, soprattutto per le ultime sconfitte e i tanti stop fisici”

Commento su Inter-Milan? “Quando si vince in modo schiacciante i meriti vanno attribuiti al vincitore, l’Inter, squadra la quale ha sfruttato il momento negativo dei rossoneri. Quest’ultimi sono reduci da un periodo complicato, influenzato dai numerosi infortuni di inizio stagione. Il Milan ha perso alcune certezze importanti, soprattutto per le ultime sconfitte e i tanti stop fisici. Sta facendo fatica in questo periodo, ma complimenti anche ai nerazzurri per il successo e la crescita effettuata”.

Sicurezza-Milan, Maccarone: “Serve l’entusiasmo di Pioli mostrato all’inizio del suo percorso”

Sotto la lente d’ingrandimento il mercato del Milan in estate? “Sicuramente è sotto osservazione. Il club è tornato in una grande competizione come la Champions, l’obiettivo primario è proseguire il percorso imboccato. Tuttavia, il Milan deve necessariamente ritrovare le sicurezze perse e la propria autostima per gli ultimi risultati deludenti. Serve l’entusiasmo di Pioli mostrato all’inizio del suo percorso”.

Pre Salernitana-Napoli, Maccarone: “I calciatori credono fortemente nell’allenatore, è stata fatta la scelta migliore”

Parere sulla situazione in casa Salernitana? “I calciatori credono fortemente nell’allenatore, è stata fatta la scelta migliore. L’anno scorso Nicola ha disputato una grande stagione; anche questo avvio di campionato è stato incredibile, nonostante la sconfitta di Bergamo. L’Atalanta fa raffiche di gol a tutti quando è in condizione.. Credo che il ritorno di Davide comunque sia stata la decisione più adeguata”. Con Kvara non convocato, chance per Raspadori con la Salernitana? “Spalletti valuterà le condizioni dei calciatori. Sebbene Jack non abbia fatto bene con la Cremonese, ma credo sia comprensibile che per una volta non abbia sfornato una prestazione positiva. Elmas, tuttavia, si è dimostrato un calciatore affidabile. Il mister deciderà poi di conseguenza, ma aver dato la possibilità ai calciatori meno utilizzati di scendere in campo, è stata la scelta più opportuna”.

Maccarone: “Nicolò è un grande calciatore. Non è mai stato continuo per i numerosi infortuni rimediati”

Hojlund può diventare un top player? “È ancora presto per dirlo, ma è un ottimo giocatore. Ha dimostrato di saper fare grandi cose, tuttavia è necessaria la continuità. Deve proseguire lungo questa scia. Ha spodestato Zapata, ma non va rimosso ciò che ha mostrato il colombiano a Bergamo. L’attaccante danese, tuttavia, ha avuto la possibilità di giocare e l’ha sfruttata”. Zaniolo può ancora esplodere all’estero? “Nicolò è un grande calciatore. Non è mai stato continuo per i numerosi infortuni rimediati; la Roma e l’allenatore hanno sempre intravisto il suo potenziale. A volte, tuttavia, è meglio cambiare aria, si tratta di una decisione personale del calciatore”.

Francesca Pia Muscerino

Leggi anche

Mercato Serie A, Schira: “Tutto ruota intorno alle disponibilità economiche”

Read More

Sconfitta-Milan Porrini: “Risultato forse frutto di un momento di appannamento più mentale che fisico per il Milan”

19 Gennaio 2023

Vittoria-Inter, Fontana: “I nerazzurri sono stati oggettivamente superiori”

Sergio Porrini, ex calciatore della Juventus ed attuale allenatore è intervenuto a “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, per parlare della sconfitta del Milan e del Napoli. Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com.

Esperienza da allenatore, Porrini: “Sono stati tre anni bellissimi, questa avventura mi ha dato tanto”

Esperienza in Albania come vice-allenatore di Reja? “Sono stati tre anni bellissimi, questa avventura mi ha dato tanto, sia dal punto di vista sportivo sia umano. Abbiamo offerto un contributo importante alla nazionale e al calcio albanese. Ha inciso forse l’andamento della squadra all’interno della Nations League, ma è stato bellissimo”. Quanto è importante il ruolo del vice-allenatore? “Alla fine credo sia fondamentale tutto lo staff tecnico per un allenatore. La mia figura diventa rilevante e di confronto dal punto di vista tecnico, imprescindibile nel calcio odierno. È una figura che consente di cogliere degli aspetti da un’angolatura differente, magari non visibili dal tecnico. Anche in allenamento questa figura è preziosa. Ho avuto tanta fortuna nel lavorare con Reja; nelle riunioni inculca la sua idea di allenamento, anche se consentiva a tutto lo staff di esprimere il proprio parere. È stata un’esperienza magnifica”. Commento sulle dichiarazioni degli ex calciatori circa alcune malattie? “Ho letto le esternazioni di Dino Baggio ed altri giocatori. È un qualcosa a cui non penso, la battutina può scappare fuori per l’amicizia vissuta. Vedo i dati su malattia e neoplasie ed affermano che oggi come oggi colpiscono qualsiasi persona di tutte le fasce d’età. Tutti siamo predisposti ad ammalarci per i cambiamenti ambientali e fisici. Non c’è nessun dato che possa testimoniare una correlazione tra i farmaci assunti in passato e queste malattie”.

Sconfitta-Milan Porrini: “Risultato forse frutto di un momento di appannamento più mentale che fisico per il Milan”

Parere sulla sconfitta del Milan con l’Inter? “I nerazzurri hanno ritrovato le loro certezze, è stata una vittoria schiacciante. In campionato, tuttavia, l’Inter ha pareggiato con il Monza ed ha perso due punti preziosi per raggiungere un Napoli sempre più primo in classifica. La squadra ed Inzaghi hanno comunque preparato ed affrontato la sfida nel miglior modo possibile. Risultato forse frutto di un momento di appannamento più mentale che fisico per il Milan. Anche la gara con la Roma ha lasciato degli strascichi mentali, non è un caso che con il Lecce sia passato in svantaggio”.

Sconfitta-Napoli, Porrini: “Spalletti e l’ambiente azzurro non hanno sicuramente sottovalutato l’impegno per il valore della squadra”

La sconfitta con la Cremonese solo un episodio invece per il Napoli? “Credo di sì. Tutte le squadre vogliono passare il turno e procedere in Coppa Italia. È stato un risultato inaspettato, Spalletti e l’ambiente azzurro non hanno sicuramente sottovalutato l’impegno per il valore della squadra. La Cremonese ha avuto uno stimolo maggiore per il cambio allenatore, era in condizione. Considerati gli ultimi risultati, forse il Napoli pensava di far un sol boccone, è stato un inciampo che, tuttavia, non creerà problemi. Mi rifiuto di credere che possa cambiare il tutto nel giro di qualche giorno dalla gara vinta con la Juve”.

Pre Salernitana-Napoli, Porrini: “Credo che la Salernitana assumerà un atteggiamento maggiormente guardingo”.

Giudizio su Salernitana-Napoli? Granata a caccia del riscatto? “Penso che tutte le gare presentino delle insidie. Nicola ha rischiato grosso, pensava di non avere più la possibilità di poter proseguire sulla panchina ed è cambiata la situazione. La squadra campana, tuttavia, ha giocato un calcio offensivo con il Milan, forse stavolta penserà a contrattaccare e difendersi il più possibile per non lasciare spazi agli attaccanti del Napoli. Prese in esame le ultime gare, credo che la Salernitana assumerà un atteggiamento maggiormente guardingo”.

Francesca Pia Muscerino

Leggi anche

Vittoria-Inter, Fontana: “I nerazzurri sono stati oggettivamente superiori”

Read More

Vittoria-Inter, Fontana: “I nerazzurri sono stati oggettivamente superiori”

19 Gennaio 2023

Prestazione Napoli-Cremonese, Milanese: “Può capitare a tutti di sbagliare”

Alberto Fontana, ex calciatore, tra le tante, di Napoli ed Atalanta è intervenuto a “1 Football Club”, programma radiofonico condotto da Luca Cerchione in onda su 1 Station Radio, per parlare di un’eventuale vittoria dello scudetto per il Napoli . Di seguito, un estratto raccolto dalla redazione di IlSognoNelCuore.com.

Vittoria-Inter, Fontana: “I nerazzurri sono stati oggettivamente superiori, pesa tanto l’assenza di Maignan”

Parere sulla vittoria dell’Inter con il Milan? “I nerazzurri sono stati oggettivamente superiori, Dzeko è stato impressionante. I rossoneri, invece, hanno perso alcune certezze, soprattutto difensive. Tatarusanu non è responsabile degli errori commessi in questo periodo, ma pesa tanto l’assenza di Maignan. Le squadre a cui si fa fatica a far gol sono quelle che vincono, ma quando si passa in svantaggio l’andamento delle gare cambia. Tuttavia, anche l’Inter ha concesso molti gol in stagione”. Motivo delle tante reti subite dai nerazzurri? “Non me lo so spiegare. L’Inter ha concesso tanti gol; sicuramente avrà influito qualche infortunio. Ma anche il cambio tra i pali con Onana non ha dato ancora i frutti sperati. Tornare più solidi difensivamente consentirà ad Inzaghi di blindare il secondo posto, perché è il Napoli a dominare il campionato. È imprendibile, sta primeggiando, bisognerebbe soltanto applaudire questa squadra”.

Vittoria-Inter, Fontana: “C’è stato poco Milan”

Troppo Inter o poco Milan? “Credo la seconda. Le uscite da dietro dei rossoneri non sono state importanti. Giroud e Leao sono stati isolati, c’è stato poco Milan, ma anche una grande Inter”.

Scudetto-Napoli? Fontana: “Il Napoli sta meritando di essere primo in Italia ed in Europa”

Possibile vittoria dello scudetto per il Napoli considerato il suo gioco? “Esprime un gioco bellissimo. Spalletti può contare su tanti calciatori i quali ‘strappano’ gli avversari e saltano l’uomo. Meret sta disputando un campionato straordinario, la fase difensiva è fortissima. Complimenti a Spalletti e alla società, la quale è intervenuta alla grande sul mercato ed ha ingaggiato calciatori che stanno giocando un grande campionato. Il Napoli sta meritando di essere primo in Italia ed in Europa, sarebbe in vetta in qualsiasi campionato straniero. Sfido chiunque ad affermare che i partenopei non possano vincere lo scudetto”. Percorso in Champions degli azzurri? “Il Napoli ha tutte le carte in regola per procedere. Il campionato italiano è meno bello rispetto agli altri, ma più complicato, perché non è agevole battere squadre di bassa classifica. Questo è il trabocchetto della Serie A. Tanti club in Europa comunque non vorrebbero incontrare il Napoli in Champions…”

Napoli-Meret, Fontana: “Sono un fan di Meret, sta dimostrando il potenziale incredibile posseduto”

Speranza di salvarsi per Cremonese, Verona e Samp? “Credo che per due su tre sarà complicato uscire da quella zona della classifica. Sicuramente possono avvicinarsi alla quart’ultima, in attesa anche dei movimenti di mercato per lo sprint della seconda parte di stagione. Il calcio italiano, tuttavia, non è così indietro a quelli europei per le sue numerose insidie”. Autogol per il Napoli ingaggiare Gollini? “Alex è intoccabile. Ha vissuto delle disavventure a Napoli, legate in particolar modo ai tanti infortuni rimediati. Sono un fan di Meret, sta dimostrando il potenziale incredibile posseduto. In prospettiva, è adeguato il colpo Gollini per cautelarsi e consentire ad Alex di riposare. Però, sono amico di Sirigu, ma non mi permetto, tuttavia, di entrare all’interno della dinamica. Ha disputato una carriera incredibile, ho sperato che rimanesse anche per consentire a Meret di crescere”.

Francesca Pia Muscerino

Leggi anche 

Prestazione Napoli-Cremonese, Milanese: “Può capitare a tutti di sbagliare”

Read More